martedì 31 marzo 2009

31marzo09 – In questa casa accadono cose surreali. Sopra la lavatrice (?!) ho trovato una composizione di frutta marcia. Una mela gialla aveva un'intera area grigia. Due mandarini erano verdognoli. Una banana, nera. In modo innocente e giocoso, ho posizionato questo inno alla morte sul tavolo della cucina con un fumetto che diceva: “per favore, uccideteci”. Il mio intento era triplice. Volevo attirare attenzione su quella brutta frutta-che-fu, far fare una risata ai miei coinquilini e possibilmente farle buttare via dal proprietario.

Per cinque interi giorni nessuno ha mai commentato o spostato quella cosa dal tavolo. Io, quando mi sedevo a mangiare in cucina dovevo coprire (con l'asciugamano di Beograd) quei frutti decomposti per evitare i crampi di stomaco. Al grigio, la mela aveva aggiunto il bianco-muffa. Sotto il mandarino si stava formando una pozzanghera di muschio verde. La banana era giorno dopo giorno più nera e più molliccia.

Prima che quell'orrore sparisse dall'appartamento, l'ho spostato sul mobiletto d'ingresso, poi per due giorni ha stazionato sulla mensola del bagno e in fine, disperato, ho lasciato il tutto sul pavimento davanti al frigorifero. A questo punto è avvenuto il miracolo. Con un pietoso sforzo la frutta si è lanciata dalla finestra.


2 commenti:

la.gio ha detto...

Uhmm... avevo sentito parlare di natura morta, ma mai di natura suicida! Secondo me l'assassino e' un tale Michelangero Merisi... detto Il Caravaggio.

Annalisa ha detto...

che pena..